Commissione affidi, approvata ma mai resa operativa

Ancora una volta sono intervenuta in Aula per sollecitare il presidente della Camera Fico a dare avvio alla Commissione Parlamentare d’inchiesta sugli affidi illeciti e le case famiglia, approvata il 29 luglio scorso e che attende da quasi 7 mesi l’inizio dei lavori. Sono trascorsi ben 210 giorni. E’ inaccettabile che nulla sia cambiato e che la commissione non abbia ancora avviato i lavori. In Italia- ricorda la deputata  un’emergenza minori e il tema dell’infanzia negata, come evidenziato dall’ultima inchiesta portata avanti dalla Procura di Massa Carrara, che ha visto l’arresto di 8 persone fra cui il sindaco di Villafranca in Lunigiana, conferma l’esistenza di un drammatico problema di maltrattamenti e abusi sui minori allontanati dai genitori e collocati in case famiglie. Ora, poiché il Parlamento ha pensato che l’istituzione della Commissione d’inchiesta fosse lo strumento utile e necessario da introdurre per dare attenzione al problema minori, se lo stesso Parlamento non da’ seguito a quanto individuato allora è da ritenersi complice di chi nega l’infanzia. Auspichiamo che il presidente della Camera possa raccogliere nuovamente il nostro appello e convocare velocemente la prima seduta di Commissione. Se questo non verrà fatto non sarò mai complice e ricorderò tutte le settimane in quest’Aula che il supremo interesse dei bambini deve essere dimostrato con leggi che vengono attuate. Basta attese, che il Parlamento non sia complice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo di posta elettronica non sarà pubblicato.