CANNABIS. INTERVISTA [VIDEO], BELLUCCI (FDI): ANCHE FELTRINELLI BOICOTTI PLANTASIA 

CANNABIS. INTERVISTA, BELLUCCI (FDI): ANCHE FELTRINELLI BOICOTTI PLANTASIA

(DIRE) Roma, 23 mag. – La cannabis light arriva in libreria e Fratelli d’Italia avvia la sua battaglia contro l’iniziativa della casa editrice Plantasia. Il giorno dopo il lancio della collana Read & Weed – Grandi autori in erba, con l’omaggio di un grammo di canapa legale per ogni libricino acquistato, il partito guidato da Giorgia Meloni organizza un flash mob davanti alla Feltrinelli della Galleria Alberto Sordi in piazza Colonna chiedendo che i libri con l’erba in regalo non vengano commercializzati.

Maria Teresa BELLUCCI, capogruppo in commissione Affari sociali alla Camera e responsabile del dipartimento dipendenze di FDI, intervistata dall’Agenzia Dire, spiega: “Siamo qui in galleria Alberto Sordi davanti alla Feltrinelli per dire no alla droga spacciata per cultura. La casa editrice Plantasia unisce alla cultura la droga. Noi siamo qui per dire no alla cultura che spaccia la droga libera e alla cultura che promuove la libertà dalle droghe perché per noi la vita va difesa e tutelata per far che le persone possano vivere a pieno la loro esistenza. È vergognoso che i grandi autori diventino strumento attraverso il quale poter avvicinare le persone alla droga perché la maggior parte di tutti i tossicodipendenti hanno utilizzato cannabis. Quindi è vero che non tutte le persone che utilizzano cannabis diventano tossicodipendenti ma è altrettanto vero che tutti coloro che sono tossicodipendenti hanno utilizzato cannabis”

Secondo la parlamentare di Fratelli d’Italia, “questo è un modo ingannevole per avvicinare le persone alla droga. Allora Fdi scende in campo e dice no alla cultura della morte. Io ringrazio Marina Berlusconi perché ha accolto il nostro appello a dire basta a questo scempio, si è dimostrata dispiaciuta, ha chiesto scusa e ha ritirato dalla catena delle librerie Mondadori il libro con la cannabis. Ora ci aspettiamo che anche gli altri, anche Feltrinelli, anche IBS e anche Amazon ritirino la collana della casa editrice Plantasia e si uniscano quindi a questa voce di speranza e di fiducia in una vita libera dalle droghe”. Maria Teresa BELLUCCIspiega che “saranno in commercio 18.000 copie e quindi verranno messi nel mercato 18 kg di cannabis light. Ci tengo a precisare- continua la responsabile del dipartimento dipendenze di FDI- che la cannabis Light è stata definita dal Consiglio Superiore di Sanità come pericolosa per la salute e quindi nel 2018 è stato richiesto il ritiro.

Noi oggi quindi chiediamo la chiusura dei cannabis shop. Lo abbiamo chiesto al ministro Salvini e al delegato alle politiche antidroga il ministro Fontana, purtroppo però ancora stiamo aspettando. Dovrebbero intervenire perché anche la legge dice che il reato di istigazione all’utilizzo di sostanze stupefacenti va perseguito, è la legge la 309 del 1990, all’articolo 82, che prevede questo. E allora chiediamo alle istituzioni di poter intervenire subito perché c’è un rischio importante: il rischio della salute degli italiani e del loro benessere”.

Aborto, Bellucci (Fdi) [VIDEO]: difesa della vita contro cultura morte 

Aborto, Bellucci (Fdi): difesa della vita contro cultura morte 

(askanews) “Oggi, a Roma, mi unirò alla Marcia per la Vita, per difendere e promuovere la cultura della vita dal concepimento alla morte, per chiedere la piena attuazione della legge 194 sulla Tutela sociale della maternità ed interruzione volontaria della gravidanza che troppo spesso viene chiamata solo legge sull’aborto, tradendo completamente il suo vero spirito e i primi cinque articoli che sottolineano come la donna, contemplando anche il padre del concepito, debba essere aiutata a rimuovere le cause che la porterebbero all’interruzione della gravidanza, a far valere i suoi diritti di lavoratrice e di madre, a promuovere ogni opportuno intervento atto a sostenerla, offrendole tutti gli aiuti necessari sia durante la gravidanza sia dopo il parto.

Difendere il valore universale del diritto alla vita vuol dire difendere l’esistenza stessa dell’umanità contro una cultura che promuove l’individualismo, che ci vuole solo consumatori, che promuove l’uso delle droghe e le dipendenze patologiche da oggetti che hanno l’unico fine di riempire il vuoto esistenziale lasciandoci sempre più soli. Quindi, marciamo insieme contro la cultura della morte per difendere il primato del bene comune, della vita e della solidarietà”.

È quanto dichiara MariaTeresa Bellucci, capogruppo della Commissione Affari Sociali, deputato e responsabile nazionale del Dipartimento Dipendenze di Fratelli d’Italia.

Famiglia:Bellucci (FdI), Di Maio di fatto commissaria Fontana 

Famiglia:Bellucci (FdI), Di Maio di fatto commissaria Fontana

ministro fontana e di maio

(ANSA) “Oggi pomeriggio sono stata convocata dal Ministro Di Maio al Ministero dello Sviluppo Economico, come capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Affari Sociali, per partecipare alla riunione sul Tavolo Tecnico sul Decreto Legge per la Famiglia a cui hanno partecipato il Forum delle Famiglie e gli altri gruppi politici.

Inaspettatamente, era assente il Ministro della Famiglia Fontana che non è stato invitato da Di Maio. Il commissariamento di fatto di Fontana da parte di Di Maio, ci fa pensare che il tema famiglia e natalità possa essere usato unicamente per accaparrarsi voti da sottrarre all’alleato di Governo, cosa diventata quotidiana nel Governo GialloVerde”.

Lo afferma Maria Teresa Bellucci, deputato di Fratelli d’Italia e capogruppo della Commissione Politiche Sociali.

“Oltretutto, se la famiglia fosse stata veramente interesse del M5S, lo scorso mese non avrebbero votato contro, insieme alla Lega, alla Mozione presentata da Fratelli d’Italia che impegnava il Governo a introdurre il reddito d’infanzia, il quoziente familiare, incentivi alle imprese che assumono mamme e donne in età fertile, asili nido gratuiti, deducibilità baby sitter.

Questi continui litigi tra M5S e Lega, che fa pesare il suo dissenso anche durante la riunione sottolineando che non ha nulla da dire in un tavolo sulla famiglia in cui non era stato invitato il Ministro della Famiglia, fanno male agli italiani, alle famiglie e mettono in stallo l’economia e la crescita dell’Italia.

Fratelli d’Italia continuerà a battersi in modo coerente e autentico per garantire il diritto a fare figli, vera emergenza sociale in Italia e in Europa”, aggiunge Maria Teresa Bellucci.